Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie.

Tipi di tapparella

In molti edifici italiani è diffuso l’utilizzo di tapparelle avvolgibili come sistema oscurante.
Le tapparelle si distinguono in base al tipo di manovra che le aziona, manuale o automatico, ma il funzionamento è, essenzialmente, lo stesso.
Esse presentano un albero di avvolgimento, intorno al quale le stecche si avvolgono o si srotolano fino a toccare il davanzale.

Croci: cassonetto esterno UniboxL’albero e gli ingranaggi sono contenuti in un cassonetto, spesso incassato nel muro.
I modelli tradizionali di cassonetti sono in legno, ma oggi sono più frequentemente sostituiti da modelli in PVC o alluminio, più leggeri e facili da pulire.

Possono essere messi all’interno dell’abitazione, incassati a filo nel muro a sbalzo, oppure all’esterno, a sbalzo.

Per evitare che il cassonetto diventi un punto di dispersione termica, va opportunamente isolato. Il materiale costituirà anche un ottima barriera acustica.


 

Tapparelle manuali

I modelli di tapparelle manuali possono essere a cinghia o a manovella: quelli a cinghia hanno una puleggia fissata all’estremità del rullo, quelli a manovella, invece,  utilizzano un argano fissato all’estremità del rullo e un’asta a manovella per svolgere la tapparella.

In quelle automatiche, invece, il motore è comandato a pulsante o con telecomando.

Le tapparelle possono essere realizzate con diversi materiali.
Il legno è esteticamente gradevole, perché le diverse essenze si abbinano con l’arredamento, tuttavia richiede una costante manutenzione ed è facilmente attaccabile da pioggia, vento e grandine.

Avvolgibili Bisogno: tapparelle in legno RollwoodIl PVC, invece, non necessita di manutenzione, è facile da pulire e resiste nel tempo, inoltre può essere coibentato per migliorare l’isolamento. Di contro è un materiale facilmente attaccabile dagli agenti atmosferici, sotto la cui azione si può anche rompere.
Le stecche in plastica, poi, possono essere facilmente tagliate e quindi devono essere opportunamente rinforzate.

Anche l’alluminio è leggero e non necessita di manutenzione, in più resiste anche agli agenti atmosferici, può essere verniciato in vari colori e può essere trattato con sistemi antigraffio, ma certamente non è la soluzione migliore per edifici d’epoca.
Un'ottima soluzione è la tapparella in alluminio con poliuretano espanso ad alta densità.

Stesse caratteristiche presenta l’acciaio, che in più è anche antiscasso, ma ha l’inconveniente di essere pesante e, naturalmente, è adatto ad edifici moderni.